Corso di Alta Formazione Comunicazione Aumentativa e Alternativa e Tecnologie Assistive

1086 Persone stanno visitando questo corso
Prezzo 1.300 €
Richiesta informazioni
EdiAcademy
Corso di Alta Formazione Comunicazione Aumentativa e Alternativa e Tecnologie Assistive
Richiesta informazioni
Corso
In aula
56 ore
Prezzo 1.300 €

Descrizione

TECNICHE E STRATEGIE NELL'ADULTO E NEL BAMBINO

Con il termine Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) si descrivono l'insieme delle modalità di comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione di qualunque persona che presenti difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, in particolare il linguaggio orale e la scrittura (ISAAC 2016). L'aggettivo "Aumentativa" indica come le modalità di comunicazione utilizzate siano finalizzate non a sostituire, ma al contrario ad accrescere la comunicazione: l'obiettivo dell'intervento è infatti quello di poter ampliare (aumentare) le capacità comunicative. L'aggettivo "Alternativa" indica l'utilizzo di modalità di comunicazione diverse dal canale verbale-orale. Tale approccio mira sostituire o potenziare l'eloquio con modalità possibili per il paziente e intellegibili per l'interlocutore (scrittura, immagini o simboli, comunicatori). Inserendosi dunque, a pieno titolo, nella cornice concettuale dell'ICF (International Classification of Functioning, Disability and Health) , oggi, la CAA rappresenta una complessa area della pratica riabilitativa che, andando oltre al danno di funzione, è volta a supportare la comunicazione, ad aumentare gli scambi comunicativi e a ridurre le restrizioni alla partecipazione sociale e relazionale che il disturbo di comunicazione grave porta naturalmente con sé. Per consentire ciò, la CAA si avvale di strumenti cosiddetti "poveri" e delle Tecnologie Assistive, cioè di una gamma di attrezzature che permettono a una persona con disabilità di svolgere un determinato compito, rendendola attiva all'interno dell'ambiente in cui si trova. Le Tecnologie Assistive comprendono diverse tipologie di ausili per la comunicazione, per l'accesso al computer, per il controllo ambientale e per la mobilità. La Tecnologia Assistiva può essere utilizzata dai diversi professionisti dei team coinvolto nel progetto riabilitativo-rieducativo, per contribuire a raggiungere gli obiettivi comunicativi di una persona. Può infatti essere utilizzata per sviluppare competenze di causa ed effetto e migliorare l'accesso al gioco, e le capacità di apprendimento. (Australian Guidelines - Augmentative and Alternative Communication (AAC) Guidelinesfor speech pathologists who support people with disability, 2014).Da questa descrizione si evince come tale approccio sia multiprofessionale e multidisciplinare e coinvolga sia la persona con disabilità comunicativa che il suo ambiente di vita.


OBIETTIVI

- Fornire conoscenze sulle patologie che causano disabilità comunicative in tutte le fasce d'età
Saper proporre un intervento di CAA evidence based
- Essere in grado di gestire e realizzare un intervento abilitativo - riabilitativo - compensativo - educativo multidimensionale nei diversi ambiti sociali
- Fornire conoscenze sulle modalità di fruizione ed utilizzo degli strumenti di comunicazione alternativa aumentativa standard e innovativi

Programma

Orario di ciascuna giornata 9-18

MODULO 1

29 SETTEMBRE -1 OTTOBRE 2023

La CAA e le tecnologie assistive
La CAA nelle disabilità verbali nascita ed evoluzione: l'apprendimento della realtà


LA CAA E LE TECNOLOGIE ASSISTIVE
LA CAA NELLE DISABILITÀ VERBALI NASCITA ED EVOLUZIONE: L'APPRENDIMENTO DELLA REALTÀ

Valentina Pasian - Marialuisa Gava


La Comunicazione aumentativa e Alternativa: come nasce, come si è evoluta, per quali soggetti è indicata
La valutazione dell'accessibilità partendo dalla persona: funzioni motorie, cognitive, ambiente e bisogni
Excursus sulle tecnologie: cosa conoscere prima di proporre uno strumento
La valutazione multidisciplinare per la scelta e la prova dell'ausilio: analisi di alcuni casi clinici per allenarsi a scegliere cosa potrebbe essere utile
La CAA nelle disabilità verbali: possibilità e limiti
I prerequisiti: l'evoluzione del SI e del NO
L'apprendimento della realtà: il corpo/cervello
Il disorientamento, i punti di riferimento, le procedure
Semantica fenomenica (SPEM) – semantica lessicale
L'Approccio Cognitivo-motivazionale Integrato (C.M.I.®) per sostenere un processo di orientamento e consapevolezza della propria realtà e delle proprie conoscenze in soggetti disabili verbali e cognitivi affinché essi possano organizzare ed esprimere in modo più comprensibile e ordinato il proprio pensiero.
La traccia grafica
L'agito sul rappresentato
Presentazione e discussione di casi

SESSIONI PRATICHE

Lavoro pratico con tabelle di comunicazione - lavoro in piccoli gruppi
Vissuto psicomotorio:dall'esperienza corporea alla rappresentazione mentale - lavoro di gruppo
L'indagine conoscitiva: l'individuazione dei significati nel disabile - lavoro in coppia
La traccia grafica di un'esperienza personale - lavoro pratico soggettivo
La rappresentazione grafica di un'esperienza - lavoro di gruppo.
 

MODULO 2

11-12 NOVEMBRE 2023

La CAA nel mondo adulto: dall'approccio teorico all'analisi di strategie, strumenti ed innovazioni tecnologiche per potenziare la comunicazione


LA CAA NEL MONDO ADULTO: DALL'APPROCCIO TEORICO ALL'ANALISI DI STRATEGIE, STRUMENTI ED INNOVAZIONI TECNOLOGICHE PER POTENZIARE LA COMUNICAZIONE

Carla Budriesi

La CAA nelle condizioni neurologiche progressive
La CAA nelle disartrie (malattie del motoneurone, quadri extrapiramidali)
La CAA nelle Afasie Progressive Primarie
La CAA nel disturbo neurocognitivo maggiore
Rosanna Favole

Locked-in syndrome e Comunicazione Aumentativa Alternativa; inquadramento della patologia, analisi dei bisogni e delle risorse, importanza dell'approccio interdisciplinare nelle patologie complesse.
L'utilizzo della CAA con le cerebrolesioni all'interno di un reparto ad alta intensità riabilitativa: gli strumenti di valutazione e l'intervento di CAA nelle varie fasi di recupero
Costruzione e principi di base degli strumenti di comunicazione alfabetica
Carla Gagliardi - Rosanna Favole

La Caa quali conoscenze
L'intenzione e la comunicazione
Teorie della comunicazione
Esperienze pratiche e ascolto di una testimonianza di un fruitore di CAA
La CAA nelle gravi cerebrolesioni acquisite
Riflessioni sul percorso riabilitativo di Bert, Mauro e Sonia
"Attrezzi nella borsa"


MODULO 3

2-3 DICEMBRE 2023

La CAA in età evolutiva: ti parlo con i simboli


LA CAA IN ETÀ EVOLUTIVA: TI PARLO CON I SIMBOLI

Elisabetta Cane

La comunicazione aumentativa in età evolutiva: la presa in carico del bambino e i passi principali di un progetto di CAA nei bambini.
Tabelle a tema e tabelle di comunicazione: i principali sistemi simbolici e il passaggio dalle tabelle a tema alla tabella di comunicazione
Come costruire una tabella a tema, presentazione dei principali software per la creazione di tabelle
Presentazione di app per la creazione di tabelle con uscita in voce
Lettura e scrittura in simboli: libri in simboli e apprendimento adattato
Principali editor di testi in simboli. Spiegazione del loro utilizzo e prova pratica con scrittura di piccoli testi
Intervento di CAA nelle diverse patologie (PCI, ritardi mentali gravi, Sma e malattie degenerative) con presentazione di casi clinici
Gli ausili ad alta e bassa tecnologia
Presentazione e dimostrazione di utilizzo di alcuni ausili comunicativi
"Posso giocare anch'io? ", il gioco adattato nella disabilità: giochi modificati, app e tablet.
Carla Ballocco

Introduzione ai disturbi comunicativi complessi
Strategie visive di CAA per la relazione e la comunicazione - parte 1 (quaderni comunicativi, tabelle comunicative e strumenti per facilitare la comunicazione, confronto tra diverse pratiche cliniche)
Strategie visive di CAA per la relazione e la comunicazione - parte 2 (illustrazione del passaporto comunicativo e del quaderno dei resti)
Strategie visive per l'autonomia e la gestione del comportamento (agenda, token economy, task analsys, etichettatura, la strutturazione dell'ambiente e del lavoro)
Utilizzo delle storie sociali per la gestione del comportamento e l'apprendimento di regole sociali
Esecitazione pratica a gruppi con discussione finale

Valutazione ECM

Destinatari

Destinatari: Logopedisti, Fisioterapisti (titolo equipollente DM 27/7/00), TNPEE, Psicologi, Terapisti occupazionali, Odontoiatri, Medici (Neurologia, Fisiatria, Pediatria, Audiologia e Foniatria, MMG, Otorinolaringoiatria), Studenti.

Durata

3 Moduli - 7 Giornate - 56 Ore. 50 crediti ECM

Prezzo

Prezzo 1.300 €
con il sconto: 1170 euro

Luogo in cui si tiene il corso

a Milano.
Corso di Alta Formazione Comunicazione Aumentativa e Alternativa e Tecnologie Assistive
EdiAcademy
Campus e sedi: EdiAcademy
EdiAcademy
V.le E. Forlanini 65 20134 (Milano)
Richiesta informazioni
X