Master Universitario di lI Livello in Politiche Attive, di Direzione e Gestione delle Risorse Umane

1018 Persone stanno visitando questo corso
Conosci il prezzo
Richiesta informazioni
Università degli Studi Link
Master Universitario di lI Livello in Politiche Attive, di Direzione e Gestione delle Risorse Umane
Richiesta informazioni
Master
In aula
Conosci il prezzo

Descrizione

Politiche attive, di Direzione e Gestione delle Risorse Umane - X Edizione


Finalità

Il Master in Politiche Attive, Direzione e Gestione delle Risorse Umane mira a formare figure manageriali in grado di valutare, analizzare, gestire e dirigere le politiche attive del lavoro in un'azienda o ente.

Il Master intende trasmettere ai partecipanti le seguenti conoscenze e competenze:

- Conoscenza delle politiche attive e del sistema dei servizi per il lavoro in Italia ed in Europa
- Conoscenza delle nuove modalità di gestione e promozione delle risorse umane nella Pubblica Amministrazione e nelle organizzazioni aziendali e complesse
- Conoscenza e progettazione di modelli organizzativi e gestionali dei servizi pubblici per la garanzia dell'erogazione dei livelli essenziali, delle prestazioni sociali e del lavoro richiesti dalla legge
- Analisi dei modelli di funzionamento e promozione del welfare per il lavoro sul territorio e del welfare aziendale, nel rapporto tra benessere e produttività
- Progettazione, gestione ed organizzazione di interventi di orientamento specialistico, di counseling e di coaching, nell'ambito della presa in carico di un utente
- Progettazione, gestione e organizzazione di percorsi di accompagnamento e ricollocazione al lavoro
- Conoscenza degli strumenti metodologici per l'analisi dell'impatto delle politiche e degli incentivi del lavoro
- Conoscenza e valutazione degli strumenti per la progettazione degli interventi di promozione del capitale umano, in azienda, sul territorio e nel rapporto tra impresa e contesto locale di riferimento
- Sviluppo delle competenze e dei contenuti professionali necessari per operare nei servizi e nelle istituzioni del mercato del lavoro
- Comprensione ed organizzazione di servizi con modalità innovative nella gestione dei rapporti con l'utente
- Conoscenza e utilizzo dei principali sistemi operativi e gestionali informatici
- Conoscenza e utilizzo delle banche dati e dei sistemi informativi on line
- Conoscenza delle principali metodologie di management degli operatori dei servizi di direzione e gestione del personale

La necessità di qualificare gli interventi delle politiche del lavoro riguarda una pluralità di soggetti pubblici e privati, chiamati a erogare servizi, a progettare interventi e a sostenere e verificare l'efficacia degli stessi.

Inoltre, le riforme abilitanti del PNRR prevedono la presenza nella P.A. di competenze in grado di occuparsi dell'organizzazione del personale, del benessere organizzativo nelle diverse amministrazioni pubbliche. Ancora, il processo di rafforzamento del sistema dei servizi per l'impiego richiede necessariamente la promozione di queste competenze verso i cittadini e verso le imprese.

Nei mesi scorsi il Ministero del Lavoro ha avviato con ANPAL un piano per il rafforzamento dei servizi per l'impiego che interviene sia per quanto riguarda il personale che per quanto attiene la dotazione tecnologica del sistema.

Le Regioni hanno avviato un piano per il reclutamento di circa 7000 nuovi operatori ed esperti di orientamento e mercato del lavoro.

I servizi per l'impiego pubblici hanno la necessità di provvedere al rafforzamento delle competenze del personale attualmente in organico, mentre i servizi accreditati hanno l'obbligo di aggiornare e formare il personale chiamato a svolgere la promozione delle politiche pubbliche.

Il Master, che prevede docenti di ANPAL e Anpal Servizi (nonché il rapporto con diverse agenzie regionali), costituisce una delle principali e consolidate offerte formative italiane che risponde alle indicazioni del piano di rafforzamento dei servizi per l'impiego per quanto riguarda lo sviluppo e la promozione delle competenze del personale, come previsto in ragione dell'attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni e degli standard di qualità regionali.

In questi anni il Master ha formato, oltre al personale di Anpal, Regioni e Comuni, anche funzionari INPS e personale proveniente da enti bilaterali e accreditati.


Ammissione

I candidati al Master, per essere ammessi, devono essere in possesso di Laurea Specialistica, di Laurea Magistrale e/o di Laurea Vecchio Ordinamento, conseguita in una Università degli studi della Repubblica Italiana o altro Istituto Superiore equiparato, o di altro titolo equivalente conseguito presso altra Università, anche straniera, a condizione che il medesimo sia legalmente riconosciuto in Italia.

I candidati con titolo accademico conseguito all'estero dovranno essere in possesso della dichiarazione di valore del titolo conseguito, rilasciata dalle competenti rappresentanze diplomatiche o consolari italiane del Paese in cui hanno conseguito il titolo.

I requisiti devono essere posseduti e dimostrati alla data di scadenza del bando di Ateneo, pena la non ammissione alla prova di selezione del Master.


Faculty interna

La Faculty interna è composta per oltre il 70% da docenti con esperienza professionale ultraquinquennale sulle materie oggetto di docenza.

Programma

Programma

Unit 1. Insegnamenti fondamentali e istituzioni del mercato del lavoro (90 ore)

- Elementi di storia del lavoro (capacità d'agire, autonomia e saper fare nella vicenda storica)
- I principi della sociologia del lavoro e dei lavori
- Promozione del lavoro e modelli politici nazionali: il ruolo dell'attivazione
- Istituzioni e indicatori dell'economia e del mercato del lavoro
- Tendenze del mercato del lavoro in Italia
- L'evoluzione della legislazione italiana del mercato e dei servizi per il lavoro
- L'impatto e l'evoluzione dei modelli organizzativi in azienda
- Il sistema di governance del lavoro in Europa e in Italia: l'evoluzione in atto
- I Fondi europei per il lavoro e la formazione
- L'evoluzione delle relazioni industriali e dei modelli contrattuali nel sistema privato e pubblico - corso base
- L'evoluzione del lavoro in Italia e la domanda di professionalità
- Analisi economica e del mercato del lavoro: fonti, strumenti e tecniche
- Struttura ed evoluzione delle politiche del lavoro in Italia e in Europa
- Le tipologie contrattuali dopo il jobs act ed il decreto dignità
- Il programma GOL, il Piano nuove competenze e le riforme del PNRR
- La legislazione e la programmazione delle politiche attive
- Gli interventi di riforma del lavoro in atto
- L'agenda europea 2021-2027 delle politiche per il lavoro
- L'impatto socioeconomico delle politiche per il lavoro: valutazione e misurazione
- Il sistema dei servizi pubblici per il lavoro: missione, modalità e funzionamento
- Il sistema dei servizi privati per il lavoro: missione, modalità e funzionamento
- Elementi di orientamento e coaching come previsto dalle misure regionali - corso base
- Promozione dell'autoimpiego e sostegno allo start up - corso base


2. Politiche attive, progettazione e finanziamento dei sistemi di workfare e della bilateralità (52 ore)

- Smart working e nuovi modelli organizzativi del lavoro a distanza
- Elementi di coaching e selezione del personale - corso base
- Le istituzioni bilaterali del mercato del lavoro e la formazione finanziata
- Elementi di previdenza e di legislazione previdenziale
- Misurazione del funzionamento del mercato del lavoro e sistemi informativi del lavoro
- I cambiamenti strutturali del mercato del lavoro e del sistema delle competenze
- Evoluzione del lavoro, delle politiche e dei sistemi relazioni industriali.
- Gestione delle risorse umane: motivazione, team e leadership
- Promozione dell'autoimpiego: gli strumenti di intervento
- Le politiche di inclusione e di contrasto alla povertà
- Reddito di cittadinanza e sostegno all'inclusione attiva e altri strumenti di inclusione socio lavorativa e reddito di cittadinanza
- Diversity management: la promozione della differenza, di genere, d'età e di cultura, come fattore di qualità del lavoro


3. Servizi, strumenti e politiche per il lavoro e la formazione: modelli evoluti (52 ore)

- La gestione e organizzazione degli strumenti del sistema di GOL e dei PAR regionali per l'inserimento al lavoro
- Il placement nel sistema universitario
- Il coaching per la promozione delle risorse umane e dell'intelligenza emotiva
- Tra pubblico e privato: la gestione in rete complementare delle politiche del lavoro
- Funzione e ruolo della bilateralità
- Il sistema degli ammortizzatori sociali
- Incentivi al lavoro e sgravi: legislazione e funzionamento
- Gestione dei servizi di un'agenzia per il lavoro: modelli, professionalità, tecniche e strumenti
- Gestione dei servizi: i sistemi informativi del lavoro - SIL
- Strumenti di assistenza alla transizione tra lavoro e lavoro: orientamento, formazione, tutoraggio, counseling e BDC (Business Development Center)
- Politiche di genere: norme e modelli
- Il sistema e la promozione delle reti dell'apprendimento tra azienda e territorio
- Prassi e metodi di contrattazione del welfare aziendale


4. Gestione e valorizzazione del capitale umano e delle competenze (44 ore)

- Elementi e strumenti per la gestione dello sviluppo delle risorse umane in azienda - competenze, valutazione, processi formativi
- Gestione e promozione dell'autoimpiego: il business plan
- Storytelling e promozione dei servizi per il lavoro
- Reddito di Cittadinanza e relativi interventi di riforma
- Il welfare contrattuale
- Il colloquio di selezione in una dimensione di equilibri tra congruità attuale e potenzialità di sviluppo rispetto alla posizione
- Certificazione, bilancio di competenze ed inserimento al lavoro
- Analisi delle competenze, bilancio delle competenze e progetto professionale
- Il lavoro sul web e nei social network: tecniche e strumenti dalla rilevazione alla promozione della candidatura


5. Reti, servizi e strumenti per l'attivazione al lavoro (50 ore)

- Formazione e lavoro: strumenti, servizi ed iniziative territoriali
- Il lavoro agile nei sistemi del lavoro pubblico e privato
- La progettazione delle politiche attive del lavoro sul territorio
- Mappare gli stakeholder, definire priorità e strategie comuni, progettare interventi, misurare impatti, coinvolgere comunità
- Il welfare aziendale: relazioni industriali e strumenti tra produttività e benessere
- Nuove forme organizzative del lavoro: coworking, incubatori d'impresa, la social innovation come strumento di sostenibilità economica, sociale e ambientale, quali competenze per un'economia collaborativa
- Costruire e coltivare la propria reputazione on line. Costruire relazioni e conversazioni
- Contrattazione e nuove politiche industriali
- Il coaching in una prospettiva di evoluzione della personalità individuale in un'ottica organizzativa
- Le politiche attive ed i servizi per il reimpiego (outplacement)
- Formazione e lavoro: contratti e legislazione
- I bacini di impiego in Italia ed all'estero tra qualità e vocazioni territoriali: distretti, filiere e densità occupazionale


Attività laboratoriali di approfondimento (72 ore)

Workshop "Rapporto tra industria 4.0 e sviluppo del capitale umano nel sistema formativo e del lavoro"
Seminario "La misurazione dell'efficacia delle politiche per il lavoro nel confronto in Italia ed in Europa, buone e cattive prassi"
Le relazioni industriali, modelli ed esperienze
Le riforme abilitanti del PNRR su lavoro e formazione delle competenze.

Alla fine di ogni Unit è prevista una verifica relativa agli argomenti trattati. Il voto (espresso in trentesimi) costituirà parte integrante della media del voto finale di conseguimento del Master.


Project Work finale

Ciascun partecipante al Master è chiamato ad elaborare un Project Work formativo professionalizzante
coerente con i temi trattati dal corso.

È parte integrante dell'attività didattica del Master, è oggetto di valutazione e attribuisce n.15 crediti formativi universitari (CFU).

Il progetto finale ha lo scopo di proporre una o più soluzioni innovative e/o migliorative attraverso
l'approfondimento di variabili di contesto, processi e modelli applicativi. Può prevedere, infatti, sia
l'innovazione di un'attività, sia l'impostazione o il cambiamento di una struttura organizzativa, o ancora il miglioramento di una nuova procedura operativa o lo sviluppo di un nuovo processo.

Il PW può essere individuale o di gruppo: in quest'ultimo caso l'apporto individuale sarà oggetto di
valutazione specifica.

Destinatari

- Laureati con laurea magistrale in: Consulenza del lavoro, Giurisprudenza, Mercato del lavoro e relazioni industriali, Economia, Economia aziendale, Psicologia, Scienze politiche, Scienze sociali e Lauree equipollenti
- Consulenti di Direzione
- Operatori e responsabili del sistema dei servizi pubblici per il lavoro
- Operatori e responsabili delle organizzazioni sindacali e di categoria
- Operatori e responsabili agenzie per il lavoro
- Consulenti di welfare aziendale
- Operatori e responsabili servizi sociali
- Responsabili risorse umane
- Consulenti del lavoro
- Psicologi del lavoro
- Progettisti formativi
Sbocchi occupazionali
- strutture nazionali e regionali per le politiche attive del lavoro
- centri per l'impiego
- agenzie per il lavoro
- servizi di orientamento delle università e degli istituti di formazione superiore
- centri di career counseling
- attività di intermediazione, ricerca, selezione ed outplacement
- aziende private (area risorse umane)

¿Necesitas información sobre cursos? Llámanos al 900 293 573

Llamada gratuita de lunes a viernes de 9h a 20h

Programma

Frequenza: Weekend alterni (sabato e domenica) e 1 settimana full time
Master Universitario di lI Livello in Politiche Attive, di Direzione e Gestione delle Risorse Umane
Università degli Studi Link
Campus e sedi: Università degli Studi Link
Università degli studi Link Campus University
Via del Casale di San Pio V, 44 00165 (Roma)
Richiesta informazioni
X