Operatore titoli in banca

Descrizione
L'operatore di titoli lavora solitamente nell'ambito del settore bancario dove si occupa di vendere titoli, azioni, obbligazioni, fondi comuni, titoli di stato consigliando i clienti sul tipo di investimento più adatto a loro.
Attività lavorativa
L'operatore titoli si mantiene costantemente aggiornato sull'andamento del mercato e sulle fluttuazioni delle azioni in borsa per essere sempre in grado di consigliare al meglio i clienti che intendono investire del capitale.

Deve prestare molta attenzione a valutare correttamente la predisposizione al rischio dell'individuo proponendo varie tipologie di investimento a breve, medio e lungo periodo.
Per i clienti predisposti ad un rischio elevato c'è la possibilità d'investire in titoli azionari altrimenti esistono i fondi azionari ed i titoli di stato.

Per evitare d'incorrere nel rischio di vedersi arrivare in ufficio un cliente alterato per le perdite subite in borsa, l'operatore titoli deve limitarsi a consigliare l'investitore senza prendere decisioni al posto suo e comunque deve essere in grado di mantenere la calma e trasmettere sicurezza e professionalità al cliente in qualunque situazione.

Il livello di autonomia che possiede è molto elevato poiché segue da solo tutte le operazioni d'investimento e le coordina dall'inizio alla fine.

Anche il grado di responsabilità è molto alto: in caso di cattivi investimenti infatti deve cercare d'intervenire al più presto riducendo al minimo le possibili perdite del cliente. Ha solitamente una buona capacità decisionale poiché non deve rendere conto a nessuno delle indicazioni d'investimento proposte. Tuttavia deve operare in linea con alcune direttive promosse dalla banca per cui lavora: ogni istituto di credito, infatti, cerca di indirizzare i clienti verso un proprio pacchetto d'investimenti e pretende da parte degli operatori una collaborazione in tal senso.

L'operatore titoli si relaziona prevalentemente con i clienti, con i quali deve instaurare un rapporto di fiducia, ma ha dei rapporti frequenti con gli altri operatori titoli e con la direzione dell'istituto di credito, per conciliare le esigenze del cliente con gli interessi della banca; a questo scopo si tiene costantemente in contatto con il direttore del settore finanza che è il referente principale a cui l'operatore titoli può rivolgersi per chiedere consigli o indicazioni su come indirizzare gli investimenti di un cliente.

Lavora in orario di apertura al pubblico della banca ma è presente anche in orario di chiusura per archiviare pratiche ed aggiornare al terminale i dati relativi agli investimenti dei clienti. Complessivamente presta il proprio servizio per sette ore e mezza al giorno e da contratto, può lavorare anche alcuni giorni festivi.

Di solito segue il proprio pacchetto clienti solo in uno specifico orario concordato con la direzione delle banca per cui lavora. Dispone di un proprio ufficio all'interno della banca, ma separato dagli altri sportelli, per poter lavorare in tranquillità, tutelando la privacy dei clienti.

Lo strumento principale di lavoro è il terminale, ovvero un computer connesso in rete con gli altri pc presenti in banca. In alcuni istituti di credito può utilizzare anche un computer collegato direttamente con la borsa in grado di fornire in tempo reale le fluttuazioni azionarie. Due altri strumenti indispensabili per l'operatore titoli sono il quotidiano "Il Sole 24 ore", che viene letto tutti i giorni, e il telefono, adoperato per contattare i clienti, gestire eventuali ordini tramite la banca capogruppo e per comunicare con il direttore del settore finanza.
Profilo professionale
Per svolgere questa professione è importante:
- Saper padroneggiare con abilità tutti i programmi d'informatica di base.
- Tenersi costantemente aggiornati sull'andamento del mercato leggendo tutti i giorni un quotidiano economico tipo: "Il Sole 24 ore" o "Milano finanza".
- Avere passione per il proprio lavoro, che altrimenti rischia di diventare molto pesante e oneroso.

Le conoscenze specifiche di tipo tecnico che devi possedere non sono molte poiché nella maggior parte dei casi si impara il lavoro direttamente operando nel settore.

Sono inoltre doti indispensabili:
- Una buona capacità di diagnosi, per prevenire eventuali fluttuazioni sfavorevoli del mercato e la capacità di fronteggiare autonomamente le situazioni critiche.
- Una buona capacità relazionale.
- Gentilezza, calma e capacità di infondere un senso di fiducia e di sicurezza negli altri e di mostrarsi sempre equilibrato e sicuro.
- Un aspetto fisico curato (giacca e cravatta pertanto non guastano mai).
Corsi correlati