Ortottista

Descrizione
L'ortottista diagnostica e cura i movimenti anormali degli occhi, come lo strabismo e i difetti della vista. Collabora spesso con i medici oculisti e con gli ottici. Lavora soprattutto con i bambini, controllandone la vista e curandone i problemi.
Attività lavorativa
L'ortottista diagnostica e cura i difetti della vista (strabismo e sdoppiamento della visione) come i movimenti anormali degli occhi. Prima riesce ad individuare tali anomalie, maggiori saranno le possibilità di curarle completamente. Una grande percentuale del suo lavoro si svolge con i bambini; tuttavia anche gli adulti, in particolare le persone anziane, hanno bisogno dell'ortottista a causa di colpi apoplettici, di malattie della tiroide o di lesioni. Anche le persone con la sindrome di Down spesso hanno problemi di coordinamento degli occhi. L'ortottista fa le diagnosi osservando, a vista, il tracciato del movimento degli occhi oppure ricorrendo all'aiuto di strumenti: alcune delle attrezzature che usa sono estremamente complesse e computerizzate. Deve anche conoscere ed essere consapevole delle condizioni cliniche che possono causare problemi di visione, come i tumori al cervello. Le possibili cure dell'ortottista includono: - L'applicazione di un tampone su un occhio per stimolare l'altro a funzionare correttamente. - La prescrizione di esercizi che aiutino lo sviluppo della visione binoculare. - Il consiglio di intervenire chirurgicamente. In caso di intervento chirurgico, l'ortottista collabora con il medico oculista, o l'oftalmologo, fornendo tutte le informazioni necessarie perché l'intervento abbia successo. Dopo l'operazione, l'ortottista continua a tenere sotto controllo i progressi del paziente. Gli ortottisti collaborano con i medici oculisti anche quando devono curare i glaucomi, ad esempio, in cui la pressione intraoculare causa la graduale perdita della vista. Alcuni lavorano nei servizi pubblici: ad esempio, eseguono i controlli della vista nelle scuole, nei centri sanitari e nelle unità sanitarie locali.
Profilo professionale
Per curare efficacemente i pazienti devi: - Avere buone abilità di comunicazione e la capacità di relazionarti con i bambini e con i loro genitori. - Essere comprensivo. - Avere tatto, essere onesto e ispirare fiducia. - Saper persuadere le persone perché, in alcuni casi, i genitori possono avere difficoltà ad accettare il fatto che i loro figli abbiano bisogno degli occhiali; i bambini stessi possono essere riluttanti a portare gli occhiali. Altri aspetti importanti sono: - Saper prendere misure precise. - Prestare attenzione ai dettagli. - Saper analizzare i problemi e trovare le soluzioni, spesso per più problemi nello stesso momento. - Saper registrare i dati di ciascun paziente. - Preparare rapporti per i medici oculisti. - Scrivere lettere ai medici generici, ai pazienti e agli ottici. - Essere metodici e dotati di autodisciplina.