Appassionare i giovani alla scrittura e alla lettura

Redazione di Educaweb
20/02/2015

E' l'obiettivo del Premio Letterario organizzato dal centro di formazione Galdus. Martedì 24 febbraio a Scandicci (Firenze) un incontro con la scrittrice Simona Baldelli.
Risvegliare nei giovani l'amore per la lettura e la scrittura sul territorio nazionale. E' questo l'obiettivo del Premio Letterario organizzato dal centro di Formazione Galdus di Milano, in collaborazione con la casa editrice Giunti. Fino al 31 marzo i giovani potranno inviare le loro opere di prosa, poesia e narrativa al Centro Galdus e aspirare così a essere i vincitori di questa IX edizione. Il Premio Galdus dal 2006 a oggi ha raggiunto, in Toscana, circa quaranta scuole tra Firenze, Prato, Pistoia e quest'anno i giovani che parteciperanno al concorso letterario saranno circa 150. La serata di premiazione dell'edizione 2015 si svolgerà il prossimo 21 maggio con un grande evento pubblico in programma a Milano. 
 
Nell'ambito dell'iniziativa, martedì 24 febbraio, alle ore 10, presso l'istituto Professionale Statale Sassetti-Peruzzi di Scandicci (Firenze), salirà in cattedra Simona Baldelli, autrice del romanzo storico "Evelina e le fate", finalista al Premio Calvino 2012, vincitore del Premio John Fante Opera Prima 2013 introdotta dal dirigente scolastico Barbara degl'Innocenti e da Stefania Mostarda, docente di lettere alla presenza dell'Assessore alla Pubblica istruzione, Servizi scolastici, Cooperazione Internazionale e Formazione professionale Diye Ndiaye e di Nicoletta Stefanelli, direttrice del Premio Galdus.
 
"Siamo orgogliosi che, grazie a Giunti editore e alla sensibilità di preside, docenti e dell'assessore Diye Ndiaye del Comune di Scandicci, il Premio Galdus non solo, come già successo lo scorso anno, trovi adesione presso le scuole toscane, ma che un istituto come il Sassetti - Peruzzi, condivida con noi la sfida di proporre ai giovani l'incontro con il Bello e la Storia. Questo è possibile oggi attraverso la testimonianza appassionata di Simona Baldelli, scrittrice per Giunti, amica del Premio Galdus e donna capace di parlare alle giovani generazioni dei fatti e dei valori della seconda guerra mondiale, che sono alla radice della nostra identità nazionale e repubblicana" afferma il Presidente del CFP Galdus, Diego Montrone.
 
Dati ISTAT: calano i lettori di libri tra i giovani.
 
Dopo il lento ma progressivo aumento della quota di lettori registrato a partire dal 2000, che ha raggiunto il picco massimo nel 2010 (46,8% di lettori fra la popolazione di sei anni e più) negli ultimi anni si è manifestata un'inversione di tendenza: la quota di persone che dichiarano di aver letto almeno un libro per motivi non scolastici o professionali nell'arco dei 12 mesi precedenti l'intervista ISTAT è scesa al 41,4% (dal 46% del 2012 e 43% del 2013).
 
La flessione ha interessato in modo particolare i più giovani. La quota di lettori è, infatti, diminuita dal 49,3% del 2013 al 44,6% del 2014 per i ragazzi tra i 6 ed i 10 anni, dal 57,2% al 53,5% per quelli tra gli 11 ed i 14 anni e dal 49,8% al 45,6% per giovani tra i 20 ed i 24 anni.
 
Si confermano anche le differenze rispetto al livello d‘istruzione. La lettura di libri continua ad essere praticata soprattutto dalle persone con un titolo di studio più elevato: leggono circa tre laureati su quattro (il 74,9%; il 77,1% nel 2013), ma la proporzione si riduce a uno su due fra chi ha conseguito al più un diploma superiore (51,1%; il 53% nel 2013).
 
 
IL PREMIO LETTERARIO GALDUS
 
Il Premio è un progetto culturale del Centro di formazione Galdus di Milano nato nel 2006 per sensibilizzare i giovani alla lettura e alla scrittura come strumento di scoperta del sé, per valorizzarne le idee e i talenti e creare un nuovo rapporto tra scuola, protagonisti della cultura, case editrici, istituzioni e territorio. Un laboratorio permanente di letteratura, poesia e arte per i giovani che coinvolge con eventi, incontri e dibattiti gli studenti italiani di scuola secondaria durante tutto l'anno scolastico.
 
ILTEMA DEL PREMIO 2015:
 
Il cibo dell'anima: elemento quotidiano, il cibo è in stretto rapporto con l'anima, il corpo, i ricordi, con la storia e la geografia, la filosofia e i costumi sociali, la convivenza e la condivisione.
 
I PARTNER:
 
Il Premio è promosso dal Centro di Formazione Professionale Galdus, con il Patrocinio di Regione Lombardia, della Provincia di Milano e Comune di Milano, Expo 2015, Ufficio Scolastico Regionale, Librerie Feltrinelli, Giunti Editore in collaborazione con il Museo Interattivo del Cinema, il Centro Culturale di Milano, Bookcity e Milano Città del Libro 2015.
 
Il Bando e la scheda d'iscrizione al concorso sono disponibili sul sito web del Centro Galdus.
 
 
Corsi Correlati
Più letti
Più nuovo