Agricoltura sociale, un settore da esplorare, un master per formarsi

Redazione di Educaweb.it
18/11/2016

Dall'integrazione di persone con disabilità o svantaggio agli agriasili. Le fattorie sociali sono un'attività in espansione e di alto valore per il territorio in cui si sviluppano. A Roma, la seconda edizione del master per chi vuole specializzarsi in questo settore che richiede competenze interdisciplinari.

Le fattorie sociali sono un settore in forte espansione, che impegna diverse professionalità, collegando il comparto agroalimentare e i suoi annessi di turismo e ristorazione, con l'integrazione sociale, la riabilitazione, l'educazione. La recente legge sull'agricoltura sociale (legge 141/15 del 18 agosto 2015) ha normato queste attività, per creare le condizioni di sviluppo di un'eccellenza tutta italiana, che apre un innovativo spazio di imprenditorialità ampio e interdisciplinare. 
Nate negli anni Novanta in Olanda, le realtà di agricoltura sociale in realtà affondano le radici in quel contesto di rinnovamento e ripensamento delle varie forme di disagio psico-sociale che ha avuto il suo apice negli anni Settanta, quando ha cominciato a prendere piede il processo che ha portato a dismettere le istituzioni repressive (come i manicomi), a favore di un'integrazione dei soggetti nel tessuto sociale. Processo tutt'ora in corso, naturalmente.

È in quest'ottica che l'Università di Roma Tor Vergata rilancia quest'anno la seconda edizione del Master universitario di primo livello in "Agricoltura sociale", in convenzione con la Rete Fattorie Sociali e l'Associazione Oasi, e patrocinato da Confagricoltura, dopo una prima edizione che gli organizzatori dicono di particolare soddisfazione, per numero di partecipanti e per qualità degli esiti didattici.

Rientrano nell'ambito dell'agricoltura sociale le attività di inserimento socio-lavorativo di lavoratori con disabilità o appartenenti a categorie svantaggiate (per esempio detenuti, rifugiati, migranti), le attività sociali legate all'uso di risorse dell'agricoltura (anche immateriali), i servizi terapeutici, anche attraverso l'ausilio di animali e la coltivazione di piante, le iniziative di educazione ambientale e alimentare. Un terreno fertile dunque per fattorie didattiche, attività di pet-therapy, agrinido e agriasili.

Caratteristiche del master e voucher formativo
Il corso di specializzazione è rivolto a imprenditori agricoli, educatori, professionisti e operatori sociali che intendono acquisire conoscenze e competenze per essere riconosciuti come esperti di agricoltura sociale, nonché a coloro che intendono progettare percorsi imprenditoriali e reti di agricoltura sociale.

Il master ha la durata di un anno ed è in parte in presenza e in parte a distanza, con il supporto delle piattaforme e tecnologie didattiche dell'ateneo romano.

La domanda di ammissione va effettuata entro il 10 gennaio 2017. I candidati ammessi dovranno immatricolarsi entro il 20 gennaio 2017 e la didattica avrà inizio il 27 gennaio 2017.

Nel corso dell'incontro di presentazione, è stato ricordato come i dipendenti delle aziende (di qualsiasi settore) aderenti al fondo interprofessionale For.Agri possano richiedere gratuitamente il voucher formativo dedicato al master in agricoltura sociale che coprirà il costo della retta.


 

 

Corsi Correlati
Più letti
Più nuovo