Studiare Scienze Bancarie: quando i numeri contano

Redazione di Educaweb.it
07/10/2016

Oltre al classico corso di Scienze Economiche, negli ultimi anni è emerso il corso in Scienze Bancarie. Vediamo assieme di cosa si tratta.
Il corso di laurea in Scienze Bancarie permette di approfondire, oltre alla teoria, i diversi aspetti pratici e i fenomeni che caratterizzano l'industria finanziaria. Allo stesso tempo, permette di poter applicare, attraverso team groups e progetti individuali, quanto trattato durante le lezioni settimanali. Si tratta dunque di un percorso accademico che ha un ottimo bilanciamento tra teoria e pratica e, per questo motivo, prepara gli studenti al mondo del lavoro.

Piano di studio
Il percorso di studi in Scienze Bancarie dura tre anni e offre una solida formazione nelle discipline di base e competenze negli ambiti dell'economia degli intermediari e dei mercati finanziari, delle scienze statistiche e attuariali e delle aziende di assicurazione e previdenza.
La didattica è partecipata: questo significa che oltre alle tradizionali lezioni frontali, si offre spazio all'applicazione pratica delle nozioni acquisite, attraverso esposizioni di case histories, testimonianze di esperti del settore e simulazioni realizzate con l'ausilio delle tecnologie informatiche.
Inoltre, durante i tre anni, è previsto un tirocinio presso istituzioni, enti finanziari, banche o assicurazioni;
A seconda della facoltà presso la quale si frequenta il corso in Scienze Bancarie, è possibile anche partecipare a soggiorni di studio presso università italiane e straniere

Sbocchi professionali
La formazione appresa da una laurea triennale in Scienze Bancarie può essere accresciuta da una laurea magistrale (in Scienze Bancarie, Finanza o affini) oppure può collocare il laureato nel mondo del lavoro.
Grazie a tutte le peculiarità espresse fino ad ora, infatti, questa laurea mette in condizione il laureato di accedere a temi di ricerca di livello internazionale e alle prassi operative sviluppate dalle maggiori istituzioni finanziarie.
Un laureato in Scienze Bancarie può svolgere diversi ruoli: amministrativo, contabile, sportellista, addetto alla riscossione, manager o essere inserito in diverse aree aziendali: ricerca e selezione del personale, marketing e comunicazione, area finanza, monitoraggio dati. Inoltre, molte figure professionali stanno nascendo negli ultimi tempi: project manager, assistance manager, project risk manager.

Se questo articolo ti ha incuriosito, vedi tutti i corsi di scienze bancarie proposti da Educaweb.it.
Più letti
Più nuovo